Dic 17 / Gen 18
lunmarmergiovensabdom
 
12 
13 
14 
15 
16 
17 
18 
19 
20 
21 
22 
23 
24 
25 
26 
27 
28 
29 
30 
31 
1 
2 
3 
4 
5 
6 
7 
8 
9 
10 
11 
12 
13 
14 
15 
16 
17 
18 
19 
20 
21 
22 
      
 
Premi qui per vedere tutte le gallerie
Gallerie
Documenti per tutti
Sezione
Documenti
Sezione
 
I Gruppi
Un Branco di Lupetti, un Reparto di Esploratori/trici, ed una Compagnia di Rover, costituiscono un Gruppo. Il Gruppo è per il C.N.G.E.I.: 

 

  • la minima Entità Educativa - in cui si applica il Progetto di Educazione Globale;
  • la minima Entità formativa attraverso la quale si stimola la continua formazione dei Capi;
  • la minima Entità gestionale - in quanto il Gruppo è responsabile delle sue risorse sia umane che materiali;
  • la minima Entità sul territorio - poiché il Gruppo è inserito vivamente nell’ambiente in cui opera;
  • la minima Entità di sviluppo - quale base per l’ulteriore diffusione dello scautismo.
La sezione di Reggio Emilia è composta da 4 gruppi :
Ogni gruppo è suddiviso per fasce d’età che vanno dagli 8 ai 19 anni.
Dagli 8/12 Lupetti, 12/16 esploratori e 16/19 rover.
 
LUPETTI (branco): durante questa fase i bambini giocano e svolgono attività in gruppi organizzati in mute (gruppi di 5-6 bambini) miste, ovvero con maschi e femmine, vivendo l'avvenutura scout in un clima di "Famiglia felice", affrontando insieme ed attraverso il gioco, alcuni spunti ed occasioni di crescita, che poi ognuno concretizza in una "pista personale" di progressione.
Il gioco dei bambini si svolge in un'ambientazione permanente ispirata a "Il Libro della Giungla" di R. Kipling. Da questo deriva quindi tutto il linguaggio tipico dei lupetti (ad esempio "andiamo in caccia", la sede delle attività diventa la "tana" del branco).
I capi quindi diventano i Vecchi Lupi e assumono l'identità e il ruolo dei personaggi più importanti del libro.
La vita del Branco è principalmente basata sull'imparare facendo: il lupetto viene stimolato ad apprendere e a crescere attraverso giochi e attività che lo vedono protagonista attivo: non siamo noi ad insegnargli, ma è lui ad imparare scontrandosi direttamente con la novità o il problema. Il tutto si svolge nell'ambiente Giungla: il Metodo Giungla si applica attraverso quella serie di racconti che hanno come protagonisti Mowgli e il Branco di Lupi e che sono collegati fra loro in maniera logica e cronologica dalle vicende dell’unico personaggio dinamico della storia: Mowgli che cresce, impara e cambia.
L'ambiente Giungla presenta la Morale per Tipi: i Tipi della Giungla sono ben definiti, sempre uguali a se stessi, non si smentiscono mai e rappresentano il bene e il male, il buono e il cattivo in maniera netta e assoluta. Sono positivi Akela (il capo branco), Bagheera (la pantera nera), Baloo (l'orso maestro della legge), Kaa (il pitone delle rocce), Chil (l'avvoltoio), Raska (la mamma lupo) e Hati (l'elefante signore della Giungla), mentre sono negativi Shere-Khan (la tigre), le Bandarlog (le scim-mie), i Cani Rossi.
I racconti giungla ci permettono di presentare al lupetto modelli di comportamento positivi da imitare e negativi da evitare, creare nel branco un ambiente dinamico e vivace, dove il singolo lupetto si senta protagonista della propria progressione e contemporaneamente parte del gruppo.
La vita del branco si svolge in un clima di Famiglia Felice, ossia un clima sereno, di collaborazione, reciproca conoscenza e aiuto.
 
ESPLORATORI (reparto):   durante questa età si sviluppa nei ragazzi un forte spirito di gruppo e scoperta ed il reparto con il suo stare assieme e cooperare in piccoli gruppi (6/8 ragazzi/e)rispecchia in pieno questa esigenza.
si svolgono attività in gruppi omogenei per sesso, ma verticali come età, che ovviamente agiscono come sottoinsiemi di un gruppo più grande di riferimento,il reparto appunto.
Il Reparto come dicevamo è costituito da gruppi di ragazzi che prendono il nome di Pattuglie.

Vi sono Pattuglie femminili e maschili e ogni pattuglia contiene un certo numero di ragazzi o di ragazze a secondo dei casi. Ogni pattuglia si dà un nome di animale, per esempio Cobra, Castoro ecc. Oltre al nome, la pattuglia si cerca un "grido", ovvero una frase adatta al nome da "gridare" durante il quadrato.
 
Questi gruppi si formano e si sviluppano maggiormente nell’azione, vivendo assieme piccole e grandi AVVENTURE, come: la vita in tenda, la cucina sul fuoco a legna, l’orientamento nel bosco e con le stelle, la costruzione di strutture con legno e corda, il rapporto diretto con ambienti naturali poco noti, gli incontri nazionali ed internazionali.
Tra le altre cose, molta attenzione è posta allo sviluppo della manualità, vista come "possibilità di pensare in termini positivi alle cose che accadono, per impegnarsi ad affrontarle".
Si punta al concetto di competenza personale per arrivare al rafforzamento del carattere (aspetto centrale della personalità di ogni individuo) ed anche a quello della disponibilità verso gli altri: molte delle avventure proposte sono finalizzate al fare qualcosa per....", con scoperta / incentivo dalle implicazioni spirituali che emergono dalla valutazione di quanto visto / fatto / pensato...
 
ROVER (compagnia): Un modo di stare insieme all’aria aperta vivendo esperienze che portano i ragazzi a crescere con i propri compagni di cammino. Sono ragazzi dai 16 ai 19 anni pronti a confrontarsi sul mondo che li circonda e ad agire concretamente per renderlo migliore.
Varie sono le attività che coinvolgono i Rover : sociali, spirituali, all’aria aperta, attività culturali e soprattutto attività di Servizio. Il loro motto è infatti: Prepararsi a Servire!

La Compagnia è la branca scout in cui si inizia a sviluppare lo spirito critico dello scout nei confronti di se stesso e del mondo che lo circonda, è il momento di responsabilizzarli e di insegnare ad autogestirsi, diventa importante saper organizzare da soli le proprie attività, e fare una programmazione delle stesse.

Le decisioni vengono prese insieme in democrazia e si discute sul da farsi prendendo in considerazione tutte le proposte formulate dai singoli Rover, non manca chiaramente l’occhio vigile del Capo Compagnia, adulto in grado di guidarli ed ascoltarli nel loro percorsi di crescita che li porterà una volta terminato il loro cammino all’interno della compagnia a 19 anni ad intraprenderne uno nuovo ossia quello del servizio attivo all’interno delle varie unità.


Se volete saperne ancora di più potete controllate la nostra pagina dei link utili!
 
Per contattarci compilate il nostro form o mandateci una mail all'indirizzo info@scoutcngei.re.it!!!
 
 
PRE-ISCRIZIONE
Pre-iscrizione
informazioni e
modulo
 
 
Sezione di Reggio Emilia
Storia
Le case scout
il Giglio d'Oro
Attività di sezione
Come iscriversi
Richiedi Informazioni
Concorso Fotografico di Sezione
Link utili
 
Il CNGEI
Chi è
Carta d'identità associativa
Il metodo scout
La struttura associativa
La formazione capi
 
Sostieni il GEI reggiano
I sostenitori e le erogazioni liberali
5 per mille
I gadget
 
Il Centenario
Cento anni di scoutismo reggiano
 
 
News

 

 


 
 
Home Organizzazione della Sezione I Gruppi Il Clan Galleria di Immagini Lo scoutismo in Italia WAGGGS WOSM Informativa privacy Area riservata